Cardinales o Cardinali – ricetta di un dolcetto tipico sardo

Pubblicato:

Oggi vi presento seconda vincitrice del nostro concorso per i dolci più appetitosi e belli, che abbiamo organizzato sulla nostra pagina Facebook. La vincitrice si chiama Regina Fanti e ha preparato per noi una ricetta completa di un piccolo tutorial. Si tratta della ricetta dei Cardinales (o Cardinali), un dolcetto tipico sardo, buono e sfizioso da replicare anche a casa grazie alla ricetta facile e veloce da preparare.

Chi ama alchermes e dolcetti morbidi e cremosi non si può lasciare scappare questa ricetta. I cardinali, anche se non hanno una decorazione particolare, sono molto belli da vedere e sono buonissimi da mangiare. Per decorare questi dolci vi basterà solo poco di zucchero a velo, a vedrete che farete un figurone nonostante sia un dolce senza troppi accorgimenti nella decorazione.

Adesso lascio la parola a Regina, che ci illustrerà come preparare questi bellissimi dolcetti.

Sugarmania è il top per ogni cake designer!

I Cardinales o Cardinali, dolcetti tipici sardi, sono delle tortine morbide con un cuore di crema e un "cappellino" imbevuto di liquore Alchermes. La particolare decorazione con il cono rosso è anche il motivo del nome di questi dolcetti, infatti la punta ricorda il cappello dei cardinali e la spolverata di zucchero a velo il mantello bianco. Vengono preparati tradizionalmente in occasione di Cresime e Prime Comunioni, insieme a molti altri dolcetti.

Cardinales - anche nella versione senza glutine

IMPASTO

  • 2 uova medie (circa 50 g ciascuna)
  • 150 g di zucchero semolato
  • 130 g di farina per dolci (per la versione senza glutine: 130 g di farina di riso*)
  • 70 g di fecola di patate*
  • 75 g di latte a basso contenuto di lattosio (io ho usato Zymil)
  • 75 g di olio extra vergine di oliva gusto delicato
  • un cucchiaino di succo di limone filtrato
  • un cucchiaino raso di bicarbonato di sodio (chi non ha problemi con il lievito commerciale può usare pari quantità di lievito* in bustina)
  • un pizzico di sale
  • i semini di mezzo baccello di vaniglia

PER LA CREMA DIPLOMATICA

  • 250 ml di latte a basso contenuto di lattosio (io ho usato Zymil)
  • 2 tuorli
  • 25 g di amido di mais*
  • 75 g di zucchero semolato
  • la buccia di un limone non trattato
  • 250 g di panna a basso contenuto di lattosio (io ho usato la panna fresca Accadì)

PER LA BAGNA

  • 50 ml di acqua
  • 50 ml di liquore Alchermes*

*Nella versione senza glutine i prodotti contrassegnati dall'asterisco devono riportare la scritta "senza glutine" oppure il simbolo della spiga barrata

Preparazione di crema pasticcera:

Mettere il latte in un pentolino a scaldare con la buccia di limone tagliata a striscioline e facendo attenzione a non comprendere la parte bianca, che è amara. Nel frattempo a parte montare i tuorli con lo zucchero e l'amido di mais. Versare il latte caldo, ma non bollente, sui tuorli con un setaccino per trattenere la buccia di limone e mescolare bene con una frusta.

Trasferire tutto nel pentolino e mettere a cuocere a fuoco dolce, sempre mescolando con la frusta per evitare la formazione di grumi fino a che la crema si addensi. Togliere dal fuoco e mettere il pentolino a bagno in acqua e ghiaccio per raffreddare rapidamente la crema.

Una volta raffreddata passarla in frigo coperta con pellicola per alimenti.

Per ottenere la crema diplomatica o chantilly all'italiana mescolare alla crema fredda di frigorifero la panna montata, amalgamando prima solo un paio di cucchiai di panna con la frusta per ammorbidire la crema pasticcera e aggiungendo poi il resto della panna montata.

Preparazione dell’impasto:

Montare le uova intere con lo zucchero, il pizzico di sale e i semi di vaniglia. Unire il latte, il succo di limone e l'olio mescolati insieme in un bicchiere precedentemente. Aggiungere le due farine setacciate a mano con il bicarbonato con una spatola e con un movimento delicato dal basso verso l'alto.

Versare l'impasto in una teglia da muffin con pirottini di carta. Con queste dosi otterrete circa dieci tortine riempendo i pirottini fino a 3-4 mm dall'orlo. Mettere in forno già caldo a 160° per circa 15 minuti (fare sempre la prova stecchino).

Assemblaggio:

Sugarmania è il top per ogni cake designer!

1

Rimuovere i tortini dal forno.

Sugarmania è il top per ogni cake designer!

2

Far affreddare bene e con l'aiuto di un coltellino a punta scovare un cono per ogni dolcetto.

Sugarmania è il top per ogni cake designer!

Sugarmania è il top per ogni cake designer!

Sugarmania è il top per ogni cake designer!

3

Per la bagna far bollire i due liquidi insieme per 2-3 minuti, per far evaporare la parte alcolica, se tra i commensali ci sono anche bambini. Se i dolcetti sono per adulti si può evitare la bollitura e mescolare semplicemente acqua e Alchermes. Spennellare il foro nei dolcetti con la bagna, riempire con la crema diplomatica e infine coprire con il cono imbevuto di bagna e lasciare asciugare pochi minuti su della carta da cucina. Metteteli quindi in frigo per qualche ora.

Sugarmania è il top per ogni cake designer!

Sugarmania è il top per ogni cake designer!

4

Quando arriva il momento di servire i vostri fantastici Cardinales provvedete a rimuoverli dal frigorifero ed a spolverarli con un po' di zucchero a velo per completare la presentazione del piatto!


Spero che questa ricetta tipica Sarda preparata dalla bravissima Regina Fanti vi sia piaciuta. Potete seguire Regina nella sua pagina Facebook. Vi assicuro, che questi dolcetti non sono solo scenografici, ma sono anche buonissimi.

Seguiteci sulla nostra pagina Facebook per partecipare ai nostri concorsi fotografici e per essere sempre al corrente di tutte le nostre novità.

Commenti

Lascia il tuo commento